Anche il ministro Calenda ammette: gli 80 euro sono stati inutili!


Il Giornale: “Il governo ammette l’errore: gli 80 euro solo propaganda”
Link all’articolo qui

Pubblicato in News | Lascia un commento

Il M5S si sta spaccando? Di Battista annuncia di non ricandidarsi, e adesso sembra che Grillo voglia lasciare

“L’Espresso: Beppe Grillo lascerà il Movimento 5 Stelle, ecco come”
Articolo de L’Espresso – link qui

Pubblicato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Il M5S si sta spaccando? Di Battista annuncia di non ricandidarsi, e adesso sembra che Grillo voglia lasciare

Il PD come partito che protegge gli emigrati Italiani ha fallito, è giunto il tempo di voltare pagina!

“Fuga dal Pd, stavolta il voto all’estero premierà B. e soci”
Articolo de Il fatto Quotidiano – link qui

Pubblicato in Uncategorized | Commenti disabilitati su Il PD come partito che protegge gli emigrati Italiani ha fallito, è giunto il tempo di voltare pagina!

Picchi (Lega): Simone Billi coordinatore attività elettorali in Europa

“In preparazione dell’imminente campagna elettorale per le elezioni politiche e in qualità di responsabile elettorale per la Circoscrizione Estero della Lega Salvini Premier ho conferito a Simone Billi il mandato di coadiuvarmi per coordinare le attività elettorali per la ripartizione Europa”. Così Guglielmo Picchi, deputato della Lega e consigliere di Matteo Salvini per la politica estera di sicurezza e difesa annuncia il nuovo incarico. “La Lega sarà presente con propri candidati in tutte le ripartizioni e siamo sicuri che Simone Billì continuerà a sviluppare l’ottimo lavoro già portato avanti sul territorio per far conoscere il progetto della Lega tra i nostri connazionali in Europa. Nei prossimi giorni verranno ufficializzati altri portabandiera territoriali della Lega Salvini Premier. Il PD ha fallito è giunto il tempo di voltare pagina”.
Simone Billi è nato a Firenze il 1976, ha studiato ingegneria alla Facoltà di Firenze e proprietà industriale all’Università di Strasburgo e dopo 10 anni di lavoro in Italia come patent attorney, si è trasferito in Svizzera dove lavora come manager in una multinazionale nel settore Energia.
Già consigliere a Firenze per il Centrodestra, firmatario i circa 200 atti in consiglio e collaboratore di parlamentari del Centro Destra in ambito della Proprietà Industriale. Attivo nell’associazionismo Italiano all’estero, presidente dell’associazione Europa dei Popoli, vicepresidente dell’AVIS di Baden e responsabile comunicazione della Dante Alighieri di Baden.
“Ringrazio la Lega Salvini Premier e l’on. Picchi per la fiducia accordatami” dichiara Simone Billi “continuerò a lavorare nella Comunità Italiana in Europa con coraggio e passione per far conoscere i nostri ideali ed il nostro progetto per una Italia migliore”.

Pubblicato in News, Rassegna stampa | Commenti disabilitati su Picchi (Lega): Simone Billi coordinatore attività elettorali in Europa

ISTAT: record storico per rischio di povertà


Da quando l’UE ha messo il naso negli affari italiani (estate 2011) con conseguente golpe ai danni di Berlusconi, i governi salvatori di Monti-Letta-Renzi-Gentiloni hanno fatto nient’altro che aumentare la povertà in Italia!
Sono stati più deleteri della crisi mondiale del 2007-08.
“La sinistra ama talmente tanto i poveri che ogni volta che va al potere ne aumenta di numero”, I.Montanelli

Pubblicato in News | Commenti disabilitati su ISTAT: record storico per rischio di povertà

Elezioni alle porte, un diritto dovere partecipare anche per noi Italiani all’estero

Cari amiche e amici
vi voglio dare un aggiornamento della situazione politica in Italia perchè si avvicina un momento importante per la nostra Madrepatria al quale anche noi Italiani all’estero abbiamo il dovere di partecipare.
Il Presidente Mattarella ha firmato il Decreto di scioglimento delle Camere ieri, 28 Dicembre, ed il Consiglio dei Ministri ha definito la data delle prossime elezioni, come ampiamente preannunciato, si andrà al voto il prossimo 4 Marzo.
Come sapete, noi Italiani all’estero possiamo non solo barrare il simbolo di un partito, ma possiamo anche scrivere il nome del candidato che vogliamo porti in Parlamento le nostre istanze e i nostri bisogni.

Non focalizziamoci sull’appartenenza politica!

Scegliamo il candidato migliore che si è impegnato di più in questi anni per supportare le nostre istanze e ci dà la certezza di continuare a supportare noi, i nostri bisogni e a mantenere saldo e forte il legame con la madrepatria!

Io continuerò a tenervi aggiornati su questo argomento, continuate a seguirmi sui social.

Pubblicato in Rassegna stampa | Commenti disabilitati su Elezioni alle porte, un diritto dovere partecipare anche per noi Italiani all’estero

Auguri da Firenze!

Cari amiche e amici
come di molti di voi sapranno, sono tornato per le vancanze di Natale in Italia, nella mia amata Firenze, dove ho ancora affetti e amicizie che ho lasciato tanti anni fa per intraprendere questa nuova avventura in Svizzera.
Questo 2017 è staot un anno pieno di impegni e nuove iniziative cona la nostra Associazione Europa dei Popoli, probabilmente ricorderete il dibattito informativo sul referendum costituzionale, gli incontri con esponenti della comunità Italiana all’estero, l’expovia a Zurigo e ArtBasel sulla promozione dei vini e dell’arte Italiana e tante altre.
Sono stato soddisfatto dell’apprezzamento e dei riscontri positivi ricevuti da tutti voi nel corso del 2017.
Questo mi da la forza di portare avanti tutte le nostre iniziative ed eventi in programma e le istanze di noi residenti all’estero.
Vi ringrazio per l’attenzione che mi avete dato nel 2017 e vi prego di continuare a seguirmi sui Social anche nel 2018.
Buon Natale e felice anno nuovo a tutti voi.

Pubblicato in Rassegna stampa | Commenti disabilitati su Auguri da Firenze!

Billi e Simonelli: petizione per l’esenzione fiscale sulle pensioni degli Italiani

“A seguito dell’iniziativa intrapresa per richiedere la detassazione dei pensionati Italiani all’estero che desiderano tornare in Italia” dichiara Simone Billi, presidente dell’Associazione Europa dei Popoli e promotore dell’iniziativa legislativa “abbiamo preparato una mozione per detassare tutti i pensionati Italiani”.

Ma come può questa mozione agevolare anche i pensionati all’estero?

“Perchè sarebbe un bel vantaggio per i nostri pensionati, che hanno lavorato duramente all’estero per tanti anni, poter tornare in Italia a godersi la meritata pensione finalmente liberi da vincoli fiscali” spiega Billi “supportando al tempo stesso l’economia locale spendendo in Italia la pensione, invece che transferirsi o mantenere la residenza in un Paese all’estero a bassa tassazione”.

“Siamo favorevoli a questa iniziativa perchè possiamo constatare quotidianamente come i nostri pensionati all’estero siano sempre più in difficoltà ad affrontare i costi della vita quotidiana” dichiara Egidio Simonelli, presidente di Introsalus, Onlus attiva nell’assistenza agli anziani Italiani in Europa “sosteniamo questa proposta con una petizione per raccogliere firme necessarie a rafforzarne il messaggio per i nostri politici, che può essere trovata online al seguente link: http://chn.ge/2ADJekD”.

“Il Ministro competente si attivi affinchè sia prevista la totale esenzione fiscale sull’importo della pensione per tutti i pensionati Italiani residenti in Italia” chiedono Billi e Simonelli “in modo da sostenere i consumi interni ed aiutare gli Italiani che hanno lavorato una vita contribuendo alla crescita ed al benessere del nostro Paese”.

“In questo modo beneficieranno di tale provvedimento sia i pensionati residenti nel nostro Paese che ricevo la pensione dall’INPS” concludono Billi e Simonelli “sia quelli che ricevono una pensione almeno in parte da un Ente Previenziale straniero, senza creare alcuna disparità di trattamento”.

Pubblicato in Rassegna stampa | Commenti disabilitati su Billi e Simonelli: petizione per l’esenzione fiscale sulle pensioni degli Italiani

Agevolazioni per i pensionati emigrati che tornano in Italia

“Sappiamo bene come nell’Unione Europea stia nascendo una forte concorrenza tra Stati per attirare pensionati con una buona capacità di spesa” dichiara Simone Billi, tra i promotori di questa iniziativa legislativa “come ad esempio in Portogallo, dove sono circa 1.037 pensionati italiani che ricevono circa 2.000 euro medi mensili pagando 0 tasse per 10 anni, Cipro dove 170 pensionati prendono circa 5.000 euro medi mensili pagando 5-8,5% di tassazione, Malta dove 210 pensioni prendono circa 2.000 euro medi al mese, Ungheria dove 335 pensionati da circa 1.000 euro medi mensili e Spagna dove 6.438 pensionati prendono circa 800 euro medi al mese”.
Sono 401.570 le pensioni italiane pagate all’estero nel 2016, per importo complessivo annuo poco superiore al miliardo di euro.
Le prestazioni previdenziali pagate ai pensionati all’estero vanno a ridurre gli oneri di spesa sociale del Paese dove il pensionato è emigrato, si configura pertanto una sorta di trasferimento di risorse dall’Italia verso altri Paesi senza un ritorno in consumi nel nostro Paese.
“Chiediamo pertanto che i pensionati Italiani che ricevano una pensione almeno in parte erogata da un ente straniero e che decidano di fare rientro in Italia senza poter usufriure di ulteriori agevolazioni fiscali” dichiara Billi “possano avvalersi di una esezione fiscale totale sull’importo complessivo della loro pensione per i primi 10 anni di permanenza in Italia, in modo da sostenere i consumi interni del nostro Paese ed agevolare al tempo stesso il ritorno dei pensionati Italiani che vogliano ricongiungersi con i propri affetti ed il territorio dove sono nati”.
“Consapevole delle disparità di trattamento tra i pensionati all’estero e quelli in Italia che possono nascere da una proposta del genere” precisa Billi “stiamo lavorando per proporre soluzioni mirate a superare queste disparità”.
“Ringrazio l’on.Picchi per il supporto ed il sostegno a questa iniziativa” conclude Billi “ci impegneremo a portare avanti questa battaglia per tutti i pensionati Italiani all’estero che sognano o che sono già tornati in Italia”.



Pubblicato in Rassegna stampa | Commenti disabilitati su Agevolazioni per i pensionati emigrati che tornano in Italia

Serata informativa: l’educazione in Italia e in Svizzera

“Il sistema educativo Italiano e quello Svizzero presentano differenze strutturali che li rendono sostanzialmente diversi tra loro, per cui le famiglie degli emigrati Italiani si trovano spesso spaesate al primo approccio con la scuola svizzera” dichiara la dott.ssa Chiara Festoso, presidente dell’associazione Dante Alighieri di Baden “Ieri sera, giovedì 16 Novembre, abbiamo organizzato un incontro con la dott.ssa Barbara Zoli proprio per analizzare insieme queste differenze, ed avere così utili spunti di riflessione, consigli e suggerimenti”.
“Il sistema scolastico Italiano ha un approccio sostanzialmente culturale e nozionistico, dove la formazione teorica è orientata verso lo sviluppo delle capacità critiche, mentre in Svizzera la scuola ha un approccio più pratico ed orientato al mondo del lavoro” spiega la d.ssa Zoli, psicologa e psicoterapeuta, con una vasta esperienza professionale in Italia prima di trasferirsi in terra elvetica “ma non c’è niente da temere poichè, nonostante la scuola svizzera indirizzi molto presto lo studente lungo un percorso selettivo e predefinito, non è un sistema chiuso, infatti il Quereinsteiger garantisce la possibilità di cambiare tipo di lavoro anche in età avanzata”.
“L’educazione non riguarda solo la scuola, ma anche la famiglia e il tempo libero, per cui educare ed educarsi vuol dire tendere al miglioramento e allo sviluppo dei figli, della propria persona, della società” precisa la d.ssa Zoli “A volte la presenza di difficolta’ e problemi psicologici non permette un’adeguata educazione, in questi casi e’ importante che si riconoscano e si dia un nome ai problemi e si affrontino con i dovuti strumenti”.
La famiglia assolve comunque un ruolo centrale nell’interpretazione costruttiva e positiva dei problemi quotidiani e nella resilienza del giovane sia in Svizzera che in Italia e rimane un ambito educativo importante. Dalla discussione è sembrato emergere che in Svizzera i genitori siano portati maggiormente ad aiutare il figlio ad adattarsi alla società, mentre in Italia a ricercare la soddisfazione individuale, il piacere.
“Abbiamo ripreso l’incontro con un video in diretta facebook per dar modo a molte famiglie, impossibilitate a venire di persona a Wettingen, di poterlo seguire” conclude l’ing.Simone Billi, responsabile comunicazione dell’associazione “il tema è comunque complesso e tocca diversi aspetti e competenze”.
L’associazione Dante Alighieri di Baden ringrazia la d.ssa Zoli per la disponibilità e la professionalità e le rinnova l’invito a partecipare ad un altro incontro con la comunità italiana su questo tema, da organizzarsi prossimamente, in modo da approfondire le interessanti tematiche trattate.

Pubblicato in Rassegna stampa | Commenti disabilitati su Serata informativa: l’educazione in Italia e in Svizzera