Giornata della donazione organizzata da A.V.I.S. Baden

L’Associazione Volontari Italiani del Sangue di Baden organizza la «giornata della donazione» sabato 6 Maggio 2017 presso il Kantonsspital di Baden-Dättwil (situato alla Im Ergel 1), durante la quale i volontari Italiani di AVIS accoglieranno i donatori per guidarli nella procedura di donazione dalle ore 8.00 alle 11.30. Questo è quanto annuncia l’ing. Miranda Secco, presidente della sede locale di AVIS, che contemporaneamente comunica pure che “nel 2016 l’AVIS in tutta la Svizzera ha avuto 1269 volontari che hanno donato sangue in 1769 occasioni e conta di aumentarne il numero nel corso del 2017”.
“La giornata offre lo spunto per chiarire alcuni aspetti poco conosciuti legati alla donazione del sangue” dichiara l’ing. Simone Billi, vice-presidente di questa sede locale “Qualsiasi persona maggiorenne di buona costituzione e in buona forma fisica può donare il sangue almeno fino all’età di 75 anni come donatore regolare, a patto che non abbia subito interventi chirurgici (anche per tatuaggi o piercing c’è un termine d’attesa di quattro mesi) oppure partorito negli ultimi 12 mesi, non rappresenti una situazione a rischio (droghe, rapporti sessuali con partner nuovi e diversi) e non assuma determinati medicamenti.”
“La donazione è caratterizzata dall’assoluta anonimità del donatore, è un atto volontario gratuito e per una donazione di sangue occorre considerare circa 45 minuti di tempo, che salgono ad un’ora se si tratta della prima donazione, da effettuare entro il sessantesimo anno di vita” precisa la presidente Secco “il volontario può donare il proprio sangue presso l’ospedale cantonale di Baden-Dättwil durante i seguenti orari: lunedì dalle 08:00 alle 18:00, martedì dalle 14:00 alle 19:30, mercoledì dalle 14:00 alle 19:30 ed inoltre ogni primo sabato del mese dalle 08.00 alle 11.30, senza necessità di prendere un appuntamento”.

“La storia AVIS in Svizzera è strettamente legata alla storia dell’emigrazione Italiana in questo Paese: la prima sede AVIS in Svizzera è stata proprio quella fondata a Baden nel 1963, in seguito vennero create quelle di Zurigo, Olten, Winterthur e successivamente in ancora altre citta’ della Confederazione Elvetica” ricordano Secco e Billi “l’operato dell’AVIS in questi oltre 50 anni di attività ha assecondato la solidarietà della comunità degli emigrati Italiani nel donare il proprio sangue per aiutare chi ne avesse bisogno, nel segno di un altruismo forte e spontaneo verso la Nazione che li ospita”.

This entry was posted in Rassegna stampa. Bookmark the permalink.