Italiani all’estero – referendum – Billi a Radio Lora : “maggior chiarezza di informazione prima del referendum”

Oggi, durante la trasmissione radiofonica di Radio LoRa, nota radio locale che da 30 anni fornisce un servizio di informazione e attualità per la comunità Italiana a Zurigo, Simone Billi, coordinatore dell’Associazione Italiani in Svizzera, spiega le ragioni per cui è nato questo dibattito “Mi sono reso conto che veramente tanti Italiani sanno poco o niente delle modifiche proposte alla Costituzione Italiana dal Governo in carica e che pochi Italiani residenti all’estero voteranno”.
Gli Italiani aventi diritto a questo voto referendario e residenti in Europa sono infatti circa 2,5 milioni, di cui circa mezzo milione nella sola Svizzera.
“L’argomento è complesso ed il dibattito in programma per domenica prossima alle 17.00 alla Casa d’Italia a Zurigo ha proprio come scopo principale proprio quello di informare e chiarire eventuali dubbi in modo trasversale, poichè ci saranno due parlamentari per spiegare le ragioni per votare per il SI e due parlamentari per spiegare le ragioni per il NO”.
“Io ho già una idea su cosa votare, ma sono certo che questo dibattito mi darà ulteriori spunti di riflessione” continua Billi “voglio ringraziare in anticipo da questi microfoni gli onorevoli Picchi, Farina, Pedicini e Scimmi, che si sono dati disponibili per il dibattito, l’Associazione Italiani in Svizzera e il Movimento Italiano in Europa per il patrocinio e l’importante contributo alla promozione del dibattito sia online che sul territorio”. conclude Billi.
(2016-10-10)

Posted in Rassegna stampa | Tagged , , | Comments Off on Italiani all’estero – referendum – Billi a Radio Lora : “maggior chiarezza di informazione prima del referendum”

Italiani all’estero – referendum – dibattito a Zurigo – on. Farina(PD) per le ragioni del SI: “cambiare è possibile e necessario” – on. Picchi(Centro Destra) per il NO:” democrazia in pericolo”

“Domenica 16 ottobre alle 17.00 alla Casa d’Italia, Erismannstrasse 6, a Zurigo abbiamo organizzato un dibattito informativo sul referendum costituzionale, al quale parteciperanno sia parlamentari dell’attuale maggioranza di Centro Sinistra per spiegare le ragioni del SI sia parlamentari dell’opposizione per spiegare le ragioni del NO” spiega Simone Billi, ingegnere di Firenze, a Zurigo dal 2012.
“Un voto per il SI perchè cambiare è possibile e necessario” dichiara l’on.Gianni Farina, parlamentare del PD eletto nella Circoscrizione Europea, che sarà presente al dibattito per esporre le ragioni del SI.
“Votare NO perchè questa riforma mette a rischio il principio costituzionale della sovranità popolare e la democrazia stessa” risponde l’on.Guglielmo Picchi, parlamentare eletto nelle fila del Centro Destra nella Circoscrizione Europea che esporrà le ragioni del NO.
“Si preannuncia un dibattito infuocato” continua Billi “al quale sono invitati anche il senatore Vittorio Pessina, coordinatore degli Azzurri nel Mondo di Forza Italia, ed il senatore Alberto Airola, membro della commissione affari esteri e immigrazione del M5S, entrambi per il NO e Leonardo Scimmi, coordinatore Italiani all’estero del Partito Socialista, per il SI”.
“Questo referendum sarà confermativo, cioè senza quorum, quale sarà la partecipazione sarà valido” conclude Billi “per questo motivo è importante votare: una decisione sarà presa, non lasciare che siano altri a decidere, informati e vota anche tu!”.
(2016-09-28)

Posted in Rassegna stampa | Tagged , , , | Comments Off on Italiani all’estero – referendum – dibattito a Zurigo – on. Farina(PD) per le ragioni del SI: “cambiare è possibile e necessario” – on. Picchi(Centro Destra) per il NO:” democrazia in pericolo”

Autovelox sul Viadotto dell’Indiano

Firenze, 3 Febbraio 2009

INTERROGAZIONE

Oggetto: Autovelox sul Viadotto dell’Indiano

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,

• Considerato che il limite di velocita’ sul Viadotto dell’Indiano e’ di soli 40Km/h ormai da anni, e che sono stati installati addirittura due autovelox, uno per ciascuna direzione di Marcia, che controllano tale limite;
• Considerato inoltre che i cittadini sono sempre piu’ preoccupati perche’ pare che tale limite di velocita’ sia dovuto a problemi strutturali dello stesso Viadotto;
• Ritenuto infine che gli autovelox ed in generale le sanzioni amministrative relative infrazioni stradali dovrebbero essere predisposte per disincentivare comportamenti scorretti degli automobilisti e non per fare cassa
• Preso atto che gia’ il sottoscritto sollevava il problema con una interrogazione quasi un anno fa’ (e che da allora nulla è cambiato) la cui risposta lasciava alcune perplessità e di cui riporto il testo integrale:
<>
I perplessità: la sede stradale sul viadotto risulta al contrario di una qualità estremamente superiore rispetto alla media cittadina e non vi sembrano sussistere particolari problemi di “sconnessioni”; II perplessità: non è intenzione dello scrivente criticare la disposizione degli autovelox, è invece intenzione dello scrivente criticare un limite di velocita’ cosi’ basso e protratto per cosi’ tanto tempo a causa di una situazione contingente senza che nel frattempo vengano presi adeguati provvedimenti; III perplessità: i problemi del viadotto, se sono così gravi da imporre un limite di velocità così basso, non dovrebbero forse essere risolti al più presto?

INTERROGA IL PRESIDENTE DEL CdiQ PER SAPERE

1) Se “il deterioramento dei giunti di congiunzione” può comportare problemi strutturali per lo stesso Viadotto e quando e’ prevista la loro manutenzione;
2) Quali sono i motivi per cui tale situazione si è protratta a lungo nel tempo senza che alcuno abbia preso provvedimenti in merito a fronte di problemi del viadotto così gravi da imporre un limite di velocità così basso;
3) Se in ogni strada che presenta disconnessioni gravi e pericolose al manto stradale l’Amministrazione ha intenzione di porre Autovelox con bassissimi limiti di velocità invece di effettuare la necessaria manutenzione;
4) Quante multe sono state elevate da questi autovelox nell’anno passato.

Simone Billi
Consigliere di FI verso il Popolo della Libertà

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Autovelox sul Viadotto dell’Indiano

Manto stradale tra l’intersezione tra Via Zoroastro da Peretola

Firenze, 3 Febbraio 2009
INTERROGAZIONE

Oggetto: Manto stradale tra l’intersezione tra Via Zoroastro da Peretola, via del Palagio degli Spini e l’uscita dell’autostrada A11

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,

• Considerato che il tratto di strada tra l’intersezione tra Via Zoroastro da
Peretola, via del Palagio degli Spini e l’uscita dell’autostrada A11, proprio sotto al cavalcavia, da tempo presenta un manto stradale estremamente dissestato e che la situazione peggiora di giorno in giorno, poiche’ le buche formatisi si stanno ingrandendo sempre di piu’, comportando un pericolo effettivo non solo per la meccanica dei veicoli ma anche per la stabilita’ e l’equilibrio dei veicoli a due ruote;

• Considerato inoltre che tale intersezione risulta di per se’ particolarmente
critica per i veicoli provenienti da Viale Giovanni Luder che vogliono ntrare nel nostro Quartiere salendo sul Viadotto dell’Indiano, poiche’ si trovano a dover tagliare il traffico proveniente dall’autostrada in trasversale per arrivare allo svincolo del suddetto Viadotto, pertanto le condizioni del manto stradale peggiorano notevolmente tale situazione, poiche’ molti veicoli, per evitare tali buche, compiono manovre brusche ed improvvise mettendo a repentaglio la propria e l’altrui sicurezza;

• Preso atto che tale tratto di strada e’ sotto la giurisdizione del Quartiere 5, ma risulta una importante porta di ingresso per chi entra nel nostro Quartiere dal Viadotto dell’Indiano

INTERROGA IL PRESIDENTE DEL CdiQ PER SAPERE

Se e’ possible segnalare all’Amministrazione del Quartiere 5 tale problema
affinche’ possano essere presi adeguati provvedimenti.

Simone Billi
Consigliere di FI verso il Popolo della Libertà

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Manto stradale tra l’intersezione tra Via Zoroastro da Peretola

“Case popolari” di Via Bronzino

Firenze, 28 Gennaio 2009

INTERROGAZIONE URGENTE

Oggetto: “case popolari” di Via Bronzino

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,

• considerato che in Via Bronzino è ubicato un Complesso Abitativo costruito circa negli anni 70 di proprietà di IACP e passate ora a “Casa Spa” in cui abitano ad oggi circa 200 famiglie;
• constatato che molti residenti:
o si lamentano perchè sembra che sempre più spesso vengano affittate “stanze-dormitorio”, in cui vivono molte più persone di quelle possibili;
o affermano che alcuni locali sono stati frazionati senza le regolari autorizzazioni per essere usati con maggior profitto come “stanze-dormitorio”;
o avanzano addirittura il dubbio che tali “stanze-dormitorio” siano affittate “a nero”;
o si lamentano per l’aumento delle Spese Condominiali, che incide profondamente per quelle famiglie che già si trovano in difficoltà economiche, e che in parte potrebbe essere causato dal maggiore numero di residenti non regolari;
• considerato inoltre che molti cittadini affermano che l’Esselunga di Via Pisana (in prossimità di Piazza Pier Vettori) si trova sullo stesso terreno del suddetto Complesso Abitativo;
• considerato altresì che molti cittadini si lamentano della Sicurezza all’interno del Complesso e negli spazi immediatamente prospicienti ad esso, poichè nel corso di questi anni sono aumentati i fenomeni di “piccola” criminalità, e che alcuni anziani residenti affermano addirittura di aver paura ad uscire di casa;
• preso atto che le nuove Leggi nazionali in materia di affitti prevedono un inasprimento delle pene, in particolare prevedono pene più dure che possono arrivare anche al sequestro dell’immobile per chi affitta “stanze-dormitorio” “a nero” ad immigrati;
• ritenuto che sia giunto il momento di chiarire tutte queste situazioni che possono comportare un disagio effettivo per i residenti ed un certo imbarazzo per l’Amministrazione;

INTERROGA IL PRESIDENTE DEL CdiQ PER SAPERE

1. Se è vero quanto affermato dai residenti, ed in particolare se è vero che (1) nel Complesso Abitativo di via Bronzino gestito da Casa Spa sono affittate “stanze-dormitorio” e che (2) alcuni locali sono stati frazionati senza le regolari autorizzazioni;
2. Se il piano urbanistico prevede la frazionabilità dei locali del suddetto Complesso Abitativo;
3. Se è possibile verificare la regolarità di tutti gli affitti nel suddetto Complesso Abitativo;
4. Se il centro commerciale Esselunga paga un affitto per il terreno su cui giace e chi è il beneficiario di tali risorse economiche;
5. Se l’Amministrazione è a conoscienza del problema sulla Sicurezza in questa zona e cosa intende fare a proposito.

Simone Billi
Consigliere di FI – PdL

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on “Case popolari” di Via Bronzino

Servizio di trasporto pubblico gratuito per i residenti

Firenze, 9 novembre 2008

INTERROGAZIONE

Oggetto: servizio di trasporto pubblico gratuito per i residenti del Quartiere

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,
– considerato che i cantieri per la costruzione della linea 1 della tramvia volgono al termine ma che i disagi alla circolazione continuano ad essere notevolissimi nel nostro Quartiere e che le linee 2 e 3 della tramvia sono in fase iniziale di cantierizzazione e per la loro ultimazione bisognerà attendere ancora diversi anni, la linea 1 della tramvia potra’ pertanto entrare a regime e funzionare “veramente” non prima della realizzazione di tutto il sistema integrato di mobilita’;
– considerate le politiche di limitazione al traffico privato dell’Amministrazione comunale che hanno portato in questi ultimi anni all’estensione delle ZTL in tutto il Comune e all’attivazione di un numero sempre maggiore di parcheggi a pagamento;
– ribadita l’importanza e la necessita’ di mobilita’, pubblica o privata che sia, in tutto il territorio comunale;
– preso atto che nel il sottoscritto già presentava diverse interrogazioni e mozioni in questo Consiglio sul trasporto pubblico e sui futuri eventuali disagi a causa della linea 1 della tramvia (che devono essere preventivamente presi in considerazione ed analizzati da un Amministratore attento e consapevole), ad esempio l’interrogazione del 23 febbraio 2007 avente ad oggetto “Ulteriori disagi per i residenti del Quartiere 4 fino a che il progetto per una nuova mobilità a Firenze venga ultimato nella sua interezza (con le ulteriori 2 linee tranviarie previste, o meglio con una metropolita o altro)”, l’interrogazione del 25 maggio 2007 ad oggetto “Iniziativa il centro io lo vivo. La notte rivive con te”, l’interrogazione del 31 dicembre 2007 ad oggetto “disagi alla circolazione nel Quartiere 4, almeno fino al momento in cui verrà realizzato interamente il “sistema integrato di mobilità”

INTERROGA IL PRESIDENTE DEL QUARTIERE PER SAPERE SE
intenda farsi portavoce delle instanze e dei problemi dei cittadini residenti davanti all’Amministrazione comunale chiedendo che il servizio pubblico sia gratuito per tutti i residenti del nostro Comune almeno fino al termine dei cantieri di tutte e 3 le linee della tramvia.

Simone Billi
Consigliere FI – PDL

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Servizio di trasporto pubblico gratuito per i residenti

Parcheggio alla stazione di Santa Maria Novella

Firenze, 9 novembre 2008

MOZIONE

Oggetto: parcheggio alla stazione di Santa Maria Novella

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,

• considerato che i parcheggi per autoveicoli in prossimita’ delle stazioni ferroviarie sono da sempre particolarmente utili perche’ consentono di prelevare i viaggiatori (con eventuali bagagli o valigie) o di accompagnarli ai treni;
• preso atto che il parcheggio per auto alla stazione di Santa Maria Novella offre un servizio particolarmente importante stante la vicinanza con la stazione ferroviaria più grande della Regione e che le sue tariffe prevedono ad oggi 2 euro per la prima ora o frazione, 2 euro seconda ora o frazione e 3 ero per la terza ora o frazione;
• constatato come i cantieri per la linea 1 della tramvia sono stati da tempo allestiti a partire da Porta a Prato fino alla piazza di S.M.N. creando notevolissimi disagi alla circolazione ed anche alla sosta degli autoveicoli, in particolare risulta estremamente difficoltoso trovare un parcheggio in prossimità della stazione S.M.N.;
• considerato in particolare che molti residenti del nostro Quartiere si lamentano delle enormi difficolta’ nel parcheggiare temporaneamente nelle vicinanze della stazione S.M.N. per accopagnare o prelevare i viaggiatori da detta stazione

INVITA IL C di Q

Ad intervenire presso l’Amministrazione o gli Organi competenti affinché sia prevista almeno la prima ora gratuita per il parcheggio dei veicoli in detto parcheggio almeno fino a che i cantieri per la linea 1 della tramvia rimarranno aperti in piazza S.M.N., in modo da rendere più agevole ai cittadini fruire del servizio ferroviario.

Simone Billi
Consigliere FI – PDL

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Parcheggio alla stazione di Santa Maria Novella

Utenze per i campi Rom del Quartiere 4

Firenze, 25/06/08
INTERROGAZIONE

Oggetto: utenze per i campi Rom del Quartiere 4

I sottoscritti Consiglieri di Quartiere MARINI ALEANDRO (LA DESTRA) e SIMONE BILLI (FI – PDL)

• Considerato che nel nostro Quartiere è presente il campo Rom del Poderaccio realizzato con nuove case in legno lamellare a spese del contribuente e che i servizi igienici sono stati più volte distrutti dagli stessi Rom e riedificati a spese del contribuente;
• Considerato che sono tantissimi i cittadini stranieri che lavorano o cercano lavoro con difficoltà nella nostra Città per condurre una vita dignitosa e che anche per i cittadini Fiorentini non è facile “sbarcare il lunario”, in particolare per lo stipendio netto troppo esiguo dei giovani, le pensioni basse e le spese elevate di una famiglia media;
• Considerato che da poco tempo la Romania è entrata a far parte della Comunità Europea per cui i suoi cittadini risultano a tutti gli effetti cittadini Comunitari;
• Constatato che i residenti della zona si lamentano perché sembra che sia previsto il pagamento delle utenze del campo Rom con soldi pubblici, cioè nostri;
• Ritenuto che le politiche e le azioni di solidarietà ed aiuto alle fasce più deboli e povere della cittadinanza devono essere condotte con correttezza e rispetto sia dei cittadini fiorentini sia degli stranieri, bilanciando le regole dell’accoglienza e della solidarietà con quelle dei diritti e dei doveri propri di ogni individuo nella nostra società civile, in modo da non realizzare una forma di “razzismo al contrario” per cui possa sembrare più agevolato il cittadino Straniero/Comunitario rispetto al cittadino Fiorentino;
• Ritenuto inoltre che la pratica abitativa del “campo nomadi” sia segregante e di fatto riproponga una forma di apartheid, così come denunciato anche da una recente raccomandazione formale del Consiglio d’Europa (num.1557/2002) nei confronti del Nostro Paese

INTERROGA IL PRESIDENTE DEL CdiQ PER SAPERE

a) Se corrisponde a verità che l’Amministrazione Comunale provvede al pagamento delle bollette nel campo ROM del Quartiere 4 per: (1.a) energia elettrica, (2.a) utenza idrica, (3.a) prelievo rifiuti; ed in caso affermativo l’esatto ammontare di tali spese per l’anno 2007 e la previsione per l’anno in corso.
b) Se sono state previste ulteriori spese nell’anno 2007 e nell’anno in corso per: (1.b) i programmi i socio sanitari, (2.b) i buoni su medicinali, (3.b) le borse di studio, (4.b) il trasporto da e per la scuola, (5.b) gli interventi sanitari, (6.b) le opere di bonifica e (7.b) la vigilanza da parte delle forze dell’ordine nella zona del campo ROM. E la previsione di spesa per l’anno in corso.

Si prega di rispondere ad ogni punto dell’interrogazione separatamente

Aleandro Marini Simone Billi
La Destra FI – PDL

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Utenze per i campi Rom del Quartiere 4

Centro di Permanenza Temporanea

Firenze, 24 giugno 2008

MOZIONE

Oggetto: Centro di Permanenza Temporanea

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,

• Constatato che i Centri di Permanenza Temporanea (CPT) sono strutture istituite dalla legge num.40/1998 Turco-Napolitano (durante il Governo di Centro Sinistra), per tutti gli stranieri “sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera non immediatamente eseguibile” con la funzione principale di consentire accertamenti sull’identità di persone trattenute in vista di una possibile espulsione, ovvero di trattenere persone in attesa di un’espulsione certa;
• Considerato che i CPT sono uno strumento diffuso in tutta Europa in seguito all’adozione di una politica migratoria comune con gli accordi di Schengen del 1995;
• Considerato che sono innumerevoli le Città e le Regioni italiane che hanno attivato da tempo tali CPT, vedi ad esempio Bari, Bologna, Brindisi, Caltanissetta, Crotone, Gradisca d’Isonzo, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano, Modena, Ragusa, Roma, Torino, Trapani e altre ancora;
• Constatato che al Governo Nazionale è demandata la competenza su Ordine Pubblico e Giustizia ma alle Amministrazioni Locali sono delegati i servizi sanitari, i mediatori culturali, gli psicologi, gli sportelli informativi e altro ancora, per cui sembra difficile poter realizzare un CPT senza la collaborazione delle Istituzioni Locali;
• Constatato inoltre come gli Istituti di Pena del nostro Paese siano sovraffollati e come la stessa situazione si riscontri anche nel Carcere di Solliciano nel nostro Quartiere, e che comunque tali Istituti di Pena non dovrebbero essere considerati alla stregua di Centri di Permanenza Temporanea dove trattenere individui in attesa di identificazione;
• Ricordato che il Sindaco Domenici, nonché Presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni, ha espresso il proprio parere favorevole nei confronti della creazione di un CPT;
• Ricordato inoltre come i soggetti sottoposti ad espulsione spesso rimangano nel nostro Paese continuando ad agire nella illegalità, come lamentano le Forze dell’Ordine e come riportato spesso dalle cronache locali;
• Ritenuto infine che le regole dell’accoglienza debbano essere bilanciate con quelle dei diritti e dei doveri propri di ogni individuo nella nostra società civile e che gli immigrati regolari ed onesti possono risultare danneggiati e screditati davanti all’opinione pubblica a causa del comportamento degli immigrati che delinquono

INVITA IL CdiQ

Ad intervenire presso il Sindaco per sollecitare la realizzazione di un CPT almeno per la nostra Città, in modo da poter disporre di un luogo dove possano essere temporaneamente portate le persone delle quali vada verificata la posizione per procedere alla loro identificazione ed alla eventuale loro espulsione dal nostro Paese.

Simone Billi
Forza Italia – PDL

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Centro di Permanenza Temporanea

Rifacimento del manto stradale

Firenze, 23 giugno 2008

INTERROGAZIONE

Oggetto: rifacimento del manto stradale

Il sottoscritto Consigliere di Quartiere,

• Ricordato che quasi ad ogni Consiglio viene sollevato il problema della condizione disastrosa in cui versano le strade del nostro Quartiere e che sono state approvate all’unanimità diverse mozioni con lo scopo di incentivare la manutenzione stradale;
• Considerato che i lavori per la tramvia stanno provocando enormi disagi alla circolazione ed al traffico nel nostro Quartiere e che le disconnessioni nelle strade influiscono sulla sicurezza e sulla qualità della circolazione stradale e comportano maggior rumore e vibrazioni che si ripercuotono anche nelle abitazioni;
• Considerato in particolare la risposta del 26 ottobre 2007 ricevuta dal Consigliere Di Feo relativa ad una sua interrogazione in cui l’Amministrazione affermava in sostanza che erano state previste nuove risorse economiche per un totale di 5 ml di euro oltre alle risorse già inscritte nel Bilancio 2007 (circa 4.6 ml di euro) da mettere in opera già nell’annualità 2007;
• Preso atto che l’articolo 4 del Nuovo Codice della Strada (decreto legislativo 285/92) destina una quota pari al 50% dei proventi delle Sanzioni Amministrative per violazioni al Codice stesso alla manutenzione stradale e che gli introiti derivanti da tali sanzioni nel Comune di Firenze nel 2007 sono state di circa 50 milioni di euro;
• Reputato il periodo estivo particolarmente opportuno per prevedere lavori di rifacimento al manto stradale

INTERROGA IL PRESIDENTE DEL C di Q PER SAPERE

1. Se l’Amministrazione ritenga soddisfacente il lavoro di manutenzione svolto in questi ultimi tempi per il rifacimento del manto stradale nel nostro Quartiere, oppure se non ritenga opportuno farsi promotore nei confronti degli Assessorati competenti affinché sia prevista una ancora migliore manutenzione;

2. Quante risorse in totale sono state messe a disposizione per l’anno 2008 per la manutenzione del manto stradale.

Billi Simone – FI – PDL
Di Feo Vincenzo – FI – PDL
Marini Aleandro – La Destra

Posted in Atti in consiglio | Tagged | Comments Off on Rifacimento del manto stradale